50.4 Formazione e Informazione - Le molte facce del Nevek

07/10/19

Il Nevek e le statue lignee  

La maggior parte degli interventi di pulitura che hanno coinvolto il gel di agar tritato, denominato Nevek (Link: https://www.ctseurope.com/scheda-prodotto.php?id=4002), hanno riguardato opere lapidee o in gesso, e talvolta pitture murali. Stavolta riportiamo, grazie alla cortesia della restauratrice Loredana Miolla, la descrizione dell’intervento su una statua lignea rappresentante San Nicola, con la rimozione – tra le varie operazioni - di una ridipintura di restauro (del 1997), stesa su uno strato pittorico non molto antico (l’originale è del 1977). L’intervento era reso necessario, oltre che per i numerosi sollevamenti del colore, anche dall’evidente modifica dell’aspetto cromatico dell’opera dovuta alla totale ridipintura. Inoltre, erano state dorate parti estese come la stola del Santo e le scarpe, che col passare del tempo avevano assunto un aspetto verdastro (ossidazione del similoro).

L’iter dell’intervento di restauro, dunque, non si è differenziato da quello eseguito su un’opera antica, ma la breve distanza temporale tra i due strati pittorici ha reso questo passaggio particolarmente delicato: era necessario mettere a punto un metodo di pulitura che permettesse di asportare lo strato di colore sovrammesso senza intaccare quello sottostante. È stato fondamentale a questo scopo il gel Nevek, in cui sono stati dispersi i solventi identificati da precedenti test di solubilità.

Dopo l’asportazione delle vecchie stuccature presenti all’interno delle fenditure è stato possibile consolidare lo strato pittorico e procedere all’iniezione di Balsite fluidificata. L’integrazione pittorica delle lacune è stata eseguita con colori da ritocco Gamblin.

Nelle immagini possiamo vedere la condizione iniziale della statua di San Nicola, due momenti dell’applicazione del Nevek, e l’opera a conclusione del restauro. 

Vedi le Foto della STATA DI SAN NICOLA.  


Matera capitale della cultura ospita l’IGIIC  

Quest’anno la sede del XVII Congresso del Gruppo Italiano dell’IIC, “Lo stato dell’arte”, sarà Matera, un’occasione per tutti coloro che desiderano aggiornarsi sugli ultimi studi del mondo del restauro, per visitare questa affascinante città. Invitiamo tutti ad iscriversi all’associazione e a partecipare al Congresso, che si terrà dal 10 al 12 ottobre, con le seguenti aree tematiche:
  • Chiese rupestri e ipogei
  • Problematiche di progettazione e di intervento 
  • Diagnostica, ricerche e studi applicati 
  • Conservazione preventiva 
  • Etica e sostenibilità nella conservazione del patrimonio culturale 
Per gli aggiornamenti e le modalità d’iscrizione online, cliccare su: http://www.igiic.org

-
-
-