INDICAZIONI PER LA SANIFICAZIONE ANTI-CORONAVIRUS DI AMBIENTI E OPERE

24/04/20

Carissimi,
la prossima riapertura dei laboratori, dei musei, delle biblioteche e degli archivi pone la questione della sicurezza e di come ridurre il rischio per lavoratori e visitatori.
Purtroppo girano incontrollate sulla rete le proposte più strane, forse valide per ambienti industriali, ma pericolosissime per la sicurezza delle opere d'arte, dei libri e dei materiali d'archivio. Dobbiamo abbandonare il sogno di poter sanificare l'aria degli ambienti, nebulizzando una magica pozione, magari a base d'acqua ossigenata o di ipoclorito di sodio, fino alla delirante proposta dell'ozono......

Ancora una volta sarà necessario ricorrere al buon senso; ci muoveremo in questi ambienti come dovremo abituarci a fare in molti altri, come abbiamo fatto in queste settimane in farmacia o al supermercato: mascherine, guanti e distanziamento.
Per fissare alcuni punti, e a seguito delle numerose telefonate ricevute, ho ritenuto opportuno realizzare un documento per fornirvi alcune informazioni sulle possibilità di intervenire sulle superfici che potrebbero essere contaminate. Sottolineo che i materiali descritti e le relative considerazioni sono valide per la sanificazione, da parte di personale non specializzato, delle superfici degli ambienti (pavimenti, tavoli, sedie, maniglie....), mentre, qualora si retenga necessario, il trattamento delle opere d'arte dovrà essere sempre effettuato da un restauratore.

Un cordiale saluto a tutti!

Visualizza il DOCUMENTO (formato .pdf) che trovi qui sotto.

-
-
-