32.2 Chimica e Ricerca - AgarArt e i problemi delle pitture murali moderne

05/10/12

Può accadere che la pulitura di un dipinto murale recente crei più problemi di un secolare affresco.
E’ il caso dell’acrilico di Keith Haring "tuttomondo”, realizzato nel 1989, il cui studio diagnostico, e successivo restauro, è stato inserito nel Progetto COPAC (Conservazione Preventiva dell’Arte Contemporanea, progetto finanziato dalla Regione Toscana), e diretto dalla Professoressa Maria Perla Colombini dell’Università di Pisa.
La pittura murale presentava, oltre ad un deposito di sporco dovuto all’inquinamento cittadino, un sottilissimo strato di carbonato di calcio di ricristallizzazione che opacizzava i vividi colori originali. I restauratori Antonio Rava e Will Shank hanno dovuto affrontare al momento della pulitura una serie di problematiche.  
  • -  Non potevano essere utilizzati solventi organici, che provocavano un attacco alla stesura acrilica originale.
  • -  Non potevano essere utilizzati sistemi a impacco, che provocano una parziale migrazione dell’acqua, o che comunque prevedano un risciacquo, in quanto l’acqua libera avrebbe messo in moto i sali presenti negli strati di intonaco retrostante.
  • -  Gomme Wishab o gomme di caucciù non davano risultati soddisfacenti, per il rilascio di residui o per altri problemi secondari.
E’ stato quindi testato e ottimizzato il metodo di stesura a caldo del gel di agar, Il sistema risultato ottimale è quello con il 5% di AgarArt in una soluzione di EDTA all’1%, neutralizzato con lo 0,2% di carbonato d’ammonio, e applicato a 45°C.
Una volta rimosso, il gel porta con sè anche una patina bianca, senza però staccare frammenti di colore, a dimostrazione della delicatezza del sistema.
Sono stati notati tempi diversi per l’azione a seconda della stesura di colore: sul verde acqua, sul turchese e sul rosa sono sufficienti 10 minuti di contatto, e l’EDTA può essere ridotto anche allo 0,5%, sul rosso e sul bianco i tempi vanno prolungati fino a 30 minuti. E’ stato possibile pulire l’intera superficie di quasi 200 metri quadri utilizzando qualche chilo di Agar Art

La messa a punto del sistema di pulitura con Agar Art è stata effettuata con la consulenza di Anzani e Rabbolini di Acconerre, che avevano già operato su una situazione similare, una pittura murale realizzata da Baruzzi nel 1960, che occupa i 120 m2 dell’abside della chiesa di Sant’Eugenio a Milano.
Infatti, nel corso del restauro eseguito da Andrea Toniutti, si era presentata l’analoga problematica di dover pulire senza apportare acqua, per non innescare fenomeni di migrazione dei solfati, dato che l’opera era stata realizzata con la tecnica dell’affresco, ma utilizzando una miscela di calce e gesso invece della sola calce.
Nonostante l'efficacia delle soluzioni acquose, la forte sensibilità del gesso all'umidità e la diminuzione della resistenza meccanica del materiale pittorico conseguente alla bagnatura, portò quindi a tentare la strada dell’applicazione di gel rigidi, con il minimo rilascio d’acqua.
Il risultato dei numerosi test con i gel di agar fu ottimale: la superficie non veniva intaccata, non si aveva migrazione di gesso dal supporto, e i depositi superficiali venivano rimossi senza azione meccanica sullo strato pittorico.
Il risultato operativo fu una serie di passaggi, il primo dei quali volto all’eliminazione del grosso del particellato ed i successivi alla vera e propria operazione di pulitura, con una concentrazione di AgarArt al 4% in acqua addizionata di Triammonio Citrato all'1%, applicato per 20/30 minuti. L'aggiunta del chelante permetteva una pulitura più profonda eliminando le macchie e gli aloni.

Le immagini mostrano i momenti della stesura dell’AgarArt liquido (attorno ai 45°C) e della rimozione della pellicola annerita dallo sporco assorbito. Nella pellicola non ci sono residui di pigmento, segno della delicatezza del metodo.

Bibliografia  

A. Rava, W. Shank, P. Colombini, O. Chiantore, M. Picollo, V. Palleschi et alii "Keith Haring a Pisa. Pulitura e protezione di un dipinto acrilico esposto in ambiente esterno”.Scienza e Beni Culturali XXVIII (2012)
M. Anzani, L.Borgioli, A. Rabbolini, A. Toniutti; "S.Eugenio a Milano, 120 mq dipulitura ad Agar Agar”, Atti del IX Congresso IGIIC "Lo Stato dell’Arte 9”, Cosenza, 13-15 ottobre 2011.

-
-
-